La premessa fondamentale della psicologia ambientale  (PE) –la disciplina che studia le transazioni tra esseri umani e i loro ambienti- è che noi siamo sempre inseriti in un luogo e che questo conta. Decadi di ricerca in PE hanno effettivamente mostrato che i luoghi (naturali e costruiti) hanno un effetto sui nostri comportamenti e sul nostro benessere.

Due costrutti sono particolarmente influenti in PE: navigabilità e rigeneratività ambientale.

1) Navigabilità.
Essa riguarda l’analisi delle variabili ambientali in grado di influenzare navigazione spaziale e wayfinding.  La capacità di muoversi in modo efficace attraverso l’ambiente è un aspetto cruciale dell’autonomia e del benessere. E’ tuttavia ampiamente riconosciuto che alcune abilità spaziali tendono a declinare con l’età. Da questo, l’importanza di individuare quali elementi architettonici e di design di interni  possano sostenere l’orientamento spaziale e il wayfinding. Il presente progetto esaminerà le caratteristiche architettoniche e di design di residenze per anziani con il duplice obiettivo di:

  • costruire validi strumenti di misurazione delle caratteristiche ambientali che influenzano l’orientamento all’interno di residenze per anziani;
  • analizzare come migliorare le caratteristiche ambientali al fine di promuovere le abilità di orientamento spaziale dei residenti. 

2) Rigeneratività ambientale.
Un’ampia letteratura ha finora dimostrato che alcuni ambienti hanno la proprietà di “rigenerare” le risorse cognitive e affettive depauperate dalle richieste della vita di tutti i giorni. Tali ambienti sono caratterizzati da un numero di qualità che contribuiscono al loro potere rigenerativo: il senso di essere fuori dalla routine quotidiana (being-away), la capacità di attrarre automaticamente l’attenzione (fascination), avere un ordine interno e dare possibilità di movimento (rispettivamente extent e scope), rispondere alle esigenze della persona (compatibility).  In genere gli ambienti naturali presentano queste caratteristiche in misura maggiore di quelli costruiti, ma anche ambienti costruiti possono essere migliorati nel loro valore rigenerativo.  Il presente progetto ha lo scopo di esplorare gli effetti positive di ambienti di vario tipo nel rigenerare le risorse cognitive (memoria di lavoro e attenzione) di anziani esposti a stimoli rigenerativi (e.g. ambienti naturali, immagini di ambienti naturali, luoghi d’arte).

The founding premise of environmental psychology (EP) – the discipline which studies transactions between human beings and their environments – is that we are always in a place and that this matters. Decades of EP research have actually shown that places (natural or built) have an effect on our behaviour and well being.

Two elements are especially influential in EP: navigability and environmental regenerativity.

1) Navigability.
This involves analysis of environmental variables which can affect spatial navigation and wayfinding.  The capacity to move effectively through one’s environment is a crucial aspect of autonomy and well being. It is however widely acknowledged that certain spatial abilities tend to decline with age. This means it is important to identify which architectural and interior design elements can support spatial orientation and wayfinding. This project will investigate the architectural and design features of residences for the elderly, with the double goal of:

  • building valid tools for measuring environmental features influencing orientation inside residences for the elderly;
  • Analysing how to improve environmental features in order to promote spatial orientation ability on the part of the residents. 

2) Environmental regenerativity.
Literature has amply shown that certain environments have the property of “regenerating” cognitive and affective resources which have been impoverished by the demands of everyday life. These environments have several qualities which contribute to their regenerative power: a feeling of being out of one’s daily routine (being-away), the capacity to automatically attract attention (fascination), having an inner order and allowing for movement (extent and scope respectively), responding to a person’s needs (compatibility).  Generally, natural environments present these features more than built environments, but built environments too can be improved in their regenerative value.  The purpose of this project is to explore the positive effects of environments of different kinds in regenerating cognitive resources (work memory and attention) of elderly people exposed to regenerative stimuli (e.g. natural environments, images of natural environments, places of art).

Prime Investigator:  Francesca Pazzaglia (UniPD)

Scientific and operative researcher

Erika Borella (Psycologist, University of Padua)

Chiara Meneghetti (Psycologist, University of Padua)

Leonardo Tizi (Architect, University of Padua)

Enrico Toffalin (Psycologist, University of Padua)

Researcher 1: Psycologist TBH

Researcher 2: Psycologist TBH